Servizi

Progetti speciali

SGL Multiservizi S.r.l. promuove nuove iniziative in tema di sostenibilità ambientale.

Attualmente è in corso di sviluppo:

  • l’iniziativa R.E.A.L. (attivazione del progetto pilota e sperimentazione);
  • lo studio di fattibilità per la creazione di un Centro del Riuso.

 

Progetto R.E.A.L.
l’impegno di SGL per evitare lo spreco alimentare e aiutare le persone in difficoltà a San Giovanni Lupatoto

Il progetto R.E.A.L. SGL (Recupero Eccedenze Alimentari Locali), iniziativa promossa da SGL Multiservizi S.r.l. sul territorio di San Giovanni Lupatoto, per il recupero valorizzazione e utilizzo dei prodotti alimentari a favore degli enti assistenziali, prende il via in fase sperimentale nei prossimi giorni, con l’obiettivo di fornire alimenti non consumati a chi è in grave disagio economico.

L’obiettivo di R.E.A.L. SGL è di realizzare una rete locale costituita da imprese, terzo settore e istituzioni per recuperare prodotti alimentari di diversa natura.

Il meccanismo previsto dal progetto prevede che tutte le parti coinvolte nel processo siano in grado di trarne vantaggi.

  • Le attività commerciali: donano i prodotti invenduti, riducono i costi di smaltimento dei rifiuti, ottengono vantaggi di natura fiscale, ottimizza­no la logistica dei prodotti che non riescono a vendere ed aumentano la visibilità sul territorio dove operano partecipando ad un’iniziativa di elevato valore etico e morale.
  • La pubblica amministrazione: nu­merosi gli effetti positivi nel terri­torio, come la diminuzione del rifiuto in discarica e un ausilio nell’assi­stenza alle persone svantaggiate.
  • Le associazioni e gli enti caritativi beneficiari: ricevono i prodotti gratuitamente, fornendo risorse risparmia­te per l’acquisto dei prodotti.

L’attività di SGL Multiservizi S.r.l. è quella di coordinare i diversi soggetti e fornire tutte le com­petenze necessarie per rendere il recupero dei prodotti invenduti sicuro ed efficiente, applicando protocolli collaudati, fiscali-amministrativi, igienico-sanitari, logistico-organizzativi e facilitando il contatto diretto tra la domanda (beneficiari) e l’offerta (donatori), ridu­cendo così al minimo i costi di gestione e l’impatto ambientale.

Centro del Riuso

Con la creazione del CdRi si intendono perseguire le seguenti finalità:

  • contrastare e superare la cultura dell’usa e getta;
  • sostenere la diffusione di una cultura del riuso dei beni basata su principi di tutela ambientale e di solidarietà sociale;
  • promuovere il reimpiego ed il riutilizzo dei beni usati, prolungandone il ciclo di vita oltre le necessità del primo utilizzatore, in modo da ridurre la quantità di rifiuti da avviare a trattamento/smaltimento;
  • realizzare una struttura di sostegno a fasce sensibili di popolazione, come i cittadini meno abbienti, consentendo una possibilità di acquisizione, a titolo gratuito, di beni di consumo usati ma funzionanti ed in condizioni di essere efficacemente utilizzati per gli usi, gli scopi e le finalità originarie dei beni stessi;
  • superare il fenomeno del rovistamento nei luoghi di conferimento dei rifiuti che espone a rischi di infortunio o di malattia coloro che cercano.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi